Home vaccini Poliomelite: paralizzata a seguito del vaccino vince la causa ma il Ministero...

Poliomelite: paralizzata a seguito del vaccino vince la causa ma il Ministero non paga

437
0
poliomelite
A seguito della vaccinazione diventa poliomelitica, vince la causa e ottiene dal Tribunale di Roma un’ingiunzione di pagamento al Ministero della Salute, il quale si è opposto citandola a giudizio.

Poliomelite in seguito a vaccino vince la causa

La sentenza è a favore della donna ma i soldi continuano a non arrivare. Eppure c’è la legge che parla chiaramente, la n. 210 del 1992 dice che chiunque abbia riportato delle lesioni o delle infermità a causa delle vaccinazioni obbligatorie (che sia per legge o per ordinanza) di una autorità sanitaria italiana, e a causa di ciò abbia riportato una menomazione permanente della integrità psico – fisica, ha diritto ad un indennizzo da parte dello Stato.

Danneggiati da vaccino legge n.210 del 1992

Il motivo? «Dal Ministero ci riferiscono che non hanno a disposizione il personale per fare i conteggi» – spiega l’avvocato Renato Mattarelli del foro di Latina, specializzato in questa materia, che ha seguito la singolare vicenda di  Maria Clementini, 60 anni, romana, affetta da poliomelite che le ha paralizzato una gamba dopo il vaccino anti-polio somministrato a Tivoli, a pochi mesi dalla nascita.

ministero della salute

Dopo la legge 210 del ’92 – in favore dei soggetti danneggiati da vaccinazioni e trasfusioni di sangue infetto – Maria ha chiesto di avere l’indennizzo previsto, ma dopo una prima concessione il Ministero ha revocato il provvedimento in autotutela. Nel 2013 è partita l’ingiunzione di pagamento, oggi la sentenza che intima il pagamento di  circa 150.000,00 euro di arretrati e 800 euro al mese per tutta la vita, non trova applicazione.

Vaccinazioni obbligatorie

«La legge prevede  che – se un cittadino è obbligato dalla legge a vaccinarsi  e in conseguenza di questa ubbidienza per il bene della salute collettiva riceve un danno – spiega l’avvocato – deve essere indennizzato dallo Stato che non può, da una parte, imporre un obbligo di vaccinazione e poi, dall’altra parte, lavarsene le mani quando da ciò derivi una patologia».


La donna, divorziata e con due figlie, una delle quali affetta da una seria patologia, ha fra l’altro bisogno di quella somma proprio per la sua situazione familiare e a  60 anni dalla vaccinazione  che le ha causato la paralisi non riesce ancora ad avere giustizia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.