Home vaccini Ecco il video che sta facendo cambiare idea sui vaccini a migliaia...

Ecco il video che sta facendo cambiare idea sui vaccini a migliaia di genitori

21264
0
SHARE

Il 20 luglio 2017 Beatrice Lorenzin è stata accerchiata, ancora una volta, da mamme preoccupate per il suo squallido decreto legge. Ha avuto il coraggio di pronunciare questa frase davanti alla madre di un figlio autistico: «Signora, noi non abbiamo oggi casi di bambini danneggiati da vaccini».

La stessa ministra in un lapsus evidente si è lasciata sfuggire una frase che è la sintesi di questa situazione tragicomica di cui è protagonista: Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ritiene infatti poco fruttuosa la produzione, per le case farmaceutiche, di dosi monocomponenti per i vaccini che si vorrebbero rendere obbligatori.

lorenzin 19 giugno vaccini singoli non convegnono alle case farmaceutiche

Genitori del NO Obbligo Lombardia hanno realizzato un breve documentario in cui parlano i genitori di figli inesistenti, almeno secondo le convinzioni della Ministra Lorenzin. Non solo, parlano anche due adulti inesistenti, un ragazzo reso invalido dal vaccino per la poliomielite e una ragazza che stava benissimo, prima di sottoporsi alle vaccinazioni militari. Purtroppo queste persone esistono e sono tante, troppe (anche una sola sarebbe una di troppo), e sono sempre più conosciute dagli altri genitori, quelli fortunati, quelli di bambini ai quali i vaccini non hanno scatenato reazioni avverse, quelli che fino a poco fa neppure sapevano che il vaccino è una roulette russa: ti può andare bene una volta, due tre, sempre… ma può anche andarti male.

Cara Ministra, hai parlato troppo. Quindi adesso, da brava Ministra, stai in silenzio e ascolta queste testimonianze. Perché ricorda che tu sei solo il nostro servo, questo significa la parola ministro, lo sai? Non siamo più nell’antica Mesopotamia in cui i governanti erano considerati divinità. Dunque ascolta, Ministra. Ascolta e guarda.

articolo originale: informare x resistere

Genitori del NO Obbligo Lombardia

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here