Home politica Spunta la tassa sui prelievi al bancomat: l’idea di Colao per rilanciare...

Spunta la tassa sui prelievi al bancomat: l’idea di Colao per rilanciare l’economia

1543
0
tassa-bancomat-colao
Loading...

La lotta all’uso del contante senza quartiere continua. Le centinaia di tecnici nominati da Palazzo Chigi in piena emergenza Coronavirus hanno presentato una bozza di programma, ancora non in via ufficiale, che tra l’altro poggia le fondamenta su un mix di sanzioni e incentivi per ridurre ai minimi termini i pagamenti cash.

Per abituare gli italiani a pagare con carta di credito e bancomat, verrebbero offerti loro incentivi, come le detrazioni sui pagamenti non in contanti, mentre a commercianti, imprenditori e liberi professionisti verrebbe imposto l’uso del POS, i cui costi sarebbero resi detraibili fiscalmente. Al contrario, verrebbero sanzionati coloro che risultassero sprovvisti di POS funzionante. Inoltre, Colao vorrebbe eliminare dalla circolazione le banconote di valore superiore ai 100 euro.

Ma la “perla di saggezza” sarebbe Una “tassa sul bancomat” per disincentivare il ritiro e l’utilizzo dei contanti; l’ipotesi di un anticipo fiscale sui prelievi (cioè mettere le mani in tasca a chi preleva banconote).
Come riportato da Il Giornale:

<<Il Comitato di esperti in materia Economica e Sociale ha recapitato alla Presidenza del Consiglio un documento contenente strategie e suggerimenti su come far ripartire l’economia italiana nella delicata fase post Covid. Il documento, formato da 120 schede e vari approfondimenti suddivisi in sei settori, affronta numerose tematiche.

C’è un capitolo, dedicato a “Imprese e Lavoro, motore dell’Economia”, in cui emerge uno dei pilastri attorno al quale ruota il piano portato avanti dal manager: la lotta, senza quartiere, all’uso del contante in favore del “Passaggio a pagamenti elettronici”, come spiega nel dettaglio un capitolo dedicato al tema>>.

Se Giuseppe Conte accetterà tale proposta, sarebbe  una vera e propria dichiarazione di guerra alla circolazione del contante.
In cambio, promette Colao, una percentuale considerevole e fino al 60% del gettito recuperato verrebbe utilizzato dallo stato per sostenere il rilancio economico.
Non si è fatta attendere la protesta della leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni:

Invece di pensare ad abbattere la burocrazia e a togliere tutti gli odiosi obblighi che rallentano la nostra economia, i tecnocrati di Conte studiano soluzioni per eliminare il contante dalla circolazione.
Quasi come avessero eseguito i consigli di Romano Prodi, la task force di Vittorio Colao propone di tassare i prelievi al bancomat!

 All’Italia serve subito un Governo forte che abbia come obiettivo principale quello di restituire al cittadino la libertà di fare impresa; e di decidere come, quando e dove spendere i propri soldi senza che lo Stato spione stia lì a controllare e tassare per conto delle banche ogni singola transazione“.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.