Home @social 21 giugno 2021: solstizio d’estate.Il PNRR deve pensare ad energia, siccita’ e...

21 giugno 2021: solstizio d’estate.Il PNRR deve pensare ad energia, siccita’ e ridurre i combustibili fossili

151
0
deposito scorie nucleari rifiuti radioattivi
Loading...

Basta dire che le rinnovabili hanno bisogno del gas da scienziati ignoranti. di P.L Caffese

Lettera Aperta al Governo e Direttori Sole 24 Ore-Corsera-Rai TV 1-2-3 -Report e a tutti gli italiani contro smog e malattie da emissioni gas serra.

Per millenni il solstizio d’estate (21 giugno)è stato considerato un giorno speciale da moltissime civiltà del passato. Si ritiene ,per esempio, che tra le ragioni che hanno portato alla costruzione del circolo di pietre di Stonehenge, vi fosse proprio quella di rendere omaggio e studiare solstizi ed equinozi, e che l’ordinamento delle pietre sia pensato per allinearsi con il primo sole nel giorno del solstizio d’estate. Sarebbe stata proprio l’importanza che la data rivestiva Tra 20 e 21 giugno cade il solstizio d’estate, il giorno più lungo dell’anno e l’inizio dell’estate astronomica.

Vediamo di cosa si tratta per le civiltà pagane a motivare la scelta del 24 giugno come giorno di nascita di San Giovanni Battista (esattamente a sei mesi di distanza da Gesù Cristo, nato in concomitanza con il solstizio d’inverno), così da riportare le celebrazioni nell’ambito della fede cristiana.Il solstizio, come festa di mezza estate (celebrato nei giorni che vanno dal 21 al 25) è inoltre ancora oggi una festività importante in moltissime nazioni europee, come la Svezia (dove si è pensato in passato di trasformarla ufficialmente nella festa della nazione), la Romania, la Polonia, l’Ucraina, Il Regno Unito, la Spagna, il Portogallo e la Grecia.

Solo in Italia insomma del solstizio d’estate, o della festa di San Giovanni Battista che dir si voglia, ci interessa poco, visto che preferiamo festeggiare l’estate a ferragosto.Caffese celebra l’estate inviando un Report documentato sui pompaggi e tante ricette dolomitiche basate su acqua e la nostra biodiversita’.Oggi prendiamo spunto da ricerche tedesche,francesi,inglesi,americane per confutare quello che scrivono i giornalisti fossili italiani,in primis su Sole-24 Ore e Corsera.Il mio invito al Ministro Cingolani del Mite:oggi è il giorno piu’ lungo dell’anno.Perche’ Lei da scienziato non ci riporta ad una visione lunga in energia(in fondo i pompaggi durano 150 anni e danno acqua per rinverdire) mentre il suo gas Lei lo vuol far durare 60 anni con costi enormi per l’Italia,cioe’ meno 400 miliardi di PIL x 60 anni=36.000 miliardi.Ci ragioni sui pompaggi che non sono il nemico degli italiani ma solo l’alternativa al gas e poi butti nel cestino l’idea malsana dei 40 invasi agricoli,idea che offende la scienza.Per noi il 21 giugno è il giorno della battaglia dell’acqua e del mare per liberarci dai fossili e dal gas.

FB_IMG_1623788517364.jpg

 Modernizziamo le ricette delle Dolomiti. Accumulo idroelettrico con pompaggio (PHS), ene…

Le leggi della natura non sono una questione di fede fossile app termodinamica e lo scrivo diretto a Cingolani-Ministro MITE.

Come scienziati, non solo forniamo progetti e cifre, ma le classifichiamo anche. Questo è importante, come dimostrano gli inganni e gli attacchi dell’altra parte.Vendetta -hesch, ma non esitare “, diceva mio nonno a mia nonna ogni volta che non aveva più un argomento di fatto. La tattica è ancora popolare oggi tra gli oppositori della legge sul CO2 per sopprimere fatti spiacevoli e screditare gli esperti. A proposito, sui pompaggi ho ricevuto le critiche piu’ aberranti da altri scienziati.Cifre fossili fuorvianti, accuse ad una classe politica Ceo volti solo a importare gas non badando ai costi delle bollette,siccita’ e inondazioni.Adesso abbiamo la carica de 300 consulenti di cui nessuno ha mai fatto un progetto ibrido pompaggi-rinnovabili senza gas a bilanciare.Nella settimana mondiale siamo  infastiditi dal fatto che oltre un centinaio di rinomati climatologi, glaciologi, economisti, avvocati, economisti, scienziati sociali, umanisti e politologi italiani,parlino chiaramente: sul cambiamento climatico, sui suoi effetti, sui costi e sulla necessità della legge sulla CO2.

 Difficilmente si possono trovare contro-argomentazioni verificabili tra le molte vaghe ipotesi nell’articolo fossile su Sole 24 Ore e Corsera . Dalla mia affermazione che gli effetti del cambiamento climatico sono “diversi, ma prevalentemente negativi”, i fossili e loro compari di merende giornalisti, costruiscono l’accusa che il cambiamento climatico sia presentato come “indiscutibilmente negativo”. Questo non solo è distorto, ma contraddice anche completamente il fatto che le nostre affermazioni sul cambiamento climatico sono al cento per cento in linea con quelle dei rapporti sul clima delle Nazioni Unite e degli scenari climatici italiani-svizzeri-tedeschi-francesi-inglesi.Francia e Inghilterra impostano il futuro energetico senza gas.La Germania lo sta impostando ma hanno fatto l’errore di credere che si potesse bilanciare vento e ft con le batterie.

Si sono accorti dell’errore e stanno facendo accordi di pompaggi con Svizzera,Norvegia,Svezia,Austria.L’Italia da 20 anni poteva bilanciare con 3.000 TWh tutta Europa ma fu stoppata da Ministri Fossili Gas come oggi Cingolani.Poco dopo, gli scrittori fossili hanno creato un grafico nel programma «Arena» che avrebbe dovuto mostrare l’andamento della Svizzera-Italia in termini di protezione del clima. Parla di “statistiche” e “fatti” e suggerisce uno sviluppo passato, ma mostra cifre fino al 2030 senza che questo sia evidente. Ancora più audace: utilizza la riduzione delle emissioni del 55 percento prevista dalla revisione della legge sulla CO2 per dimostrare che questa legge sulla CO2 non è necessaria.Come il più grande alleato della destra e Lega fossile, anche l’Associazione petrolifera italiana si lancia sul ring con il nuovo innocuo nome Avenergy. Invia un opuscolo ai parlamentari per informarli sulla CO2, sulla cui riduzione si discute da anni. Il documento, elogiato come “opera di riferimento” nella lettera di presentazione e a prima vista fattuale, pullula di citazioni errate, affermazioni verificabili e false sui modelli climatici, errori nelle unità e dati obsoleti. La quantità di CO2 nell’atmosfera era aumentata del 35 percento entro il 2005, secondo quanto riportato dall’Agenzia federale tedesca per l’ambiente, e si spera che nessuno si accorga che stiamo scrivendo oggi nel 2021 e che l’aumento è già del 50 percento. Il grafico delle emissioni del settore in Svizzera adottato e adattato dall’Ufficio federale dell’ambiente mostra solo i valori per l’industria, Agricoltura e gestione dei rifiuti. Mancano le due maggiori fonti di CO2, il traffico stradale e il settore immobiliare, di cui la lobby petrolifera vive come un principe, così come l’aviazione. Interrogato da Blick, Avenergy sottolinea che bisogna «semplificare» per i laici. 

Questo è assurdo come quando dichiari solo metà del tuo reddito all’amministrazione fiscale e cerchi di giustificarlo con una “semplificazione” della situazione del reddito.

Confindustria fossile con Destra e Lega:Minimizzare, distrarre, ritardare.

Perché gli oppositori della legge sul CO2 ricorrono a una disinformazione così goffa? Semplicemente perché il solo pensiero di un quadro politico per la protezione del clima, o “palude statale” nelle parole di Christian Imark o del Sole 24 Ore, fa rabbrividire. Perché vedono il loro modello di business in pericolo e semplicemente perché mancano di argomenti oggettivi. Oggi l’ideologia e gli interessi particolari apparentemente vanno così lontano che ogni mezzo è giusto, specialmente il discredito degli esperti.In un documento di sintesi dal 2009, i fossili hanno negato il cambiamento climatico causato dall’uomo. Poiché questo non funziona più, passa ad altri meccanismi di difesa psicologicamente ben compresi: gli effetti vengono minimizzati, le misure vengono ritardate, l’attenzione si concentra sul problema centrale o altri, presumibilmente maggiori peccatori sono indicati. Il primo esempio di tali pseudo-argomentazioni è l’influenza limitata della Italia o Svizzera. Si nasconde il fatto che per gli obiettivi climatici di Parigi, ratificati anche dalla Italia-Svizzera, ogni Paese, grande o piccolo che sia, deve raggiungere zero emissioni nette di gas serra entro il 2050, così come il fatto che la Convenzione quadro delle Nazioni Unite UNFCCC siano stati il principio dal 1992 la «responsabilità comune ma differenziata», secondo cui quegli Stati con elevate possibilità finanziarie,Il cambiamento climatico costa di più Ugualmente fuorviante è l’argomento dei fossili  e Avenergy secondo cui l’idrogeno risolve i nostri problemi. I combustibili sintetici saranno necessari per l’obiettivo di zero CO2 netto nelle singole applicazioni e dopo il 2030, ma né per gli edifici né per il trasporto privato. Il fatto è che la deviazione via idrogeno richiede circa cinque volte più energia rinnovabile rispetto all’elettrificazione diretta e che le quantità di combustibili sintetici oggi disponibili sono estremamente ridotte, ma i costi sono estremamente elevati. Sostituire tutti i combustibili fossili in Italia con quelli sintetici ci costerebbe oggi circa 100 miliardi divisi 60 milioni ,ed in Svizzera15.000 franchi all’anno per famiglia.L’obiezione più spesso citata è che le medie imprese non possono aspettarsi poche centinaia di euro o franchi svizzeri  all’anno per nucleo familiare con quattro persone, ma anche a un esame più attento. Con circa 110 milioni di tonnellate di CO2 in emissioni basate sul consumo e un danno globale di circa 200 franchi per tonnellata di CO2 accumulato nel tempo (Agenzia federale dell’ambiente tedesca, tasso di sconto dell’1%), una famiglia svizzera provoca danni climatici di oltre 10.000 franchi all’anno. Inoltre, ci sono 4.000 franchi per i combustibili fossili che fluiscono all’estero ogni anno. Il cambiamento climatico e lo status quo sono costosi. È ovvio che le misure per un obiettivo climatico ambizioso sono economicamente più vantaggiose che cavarsela come prima e aggiustarsi dopo. Ma vale anche la pena per l’individuo:Fede e ideologia non hanno bisogno di numeri e argomenti verificabili, basta una verità percepita. Per decisioni di rilevanza sociale come la protezione del clima, invece, i fatti e la loro classificazione sono centrali, anche se talvolta spiacevoli. Ciò include anche dichiarazioni su ciò che serve alla Svizzera per raggiungere i suoi obiettivi climatici dichiarati. Gli attacchi e gli inganni che ne derivano da parte degli oppositori sono prova di impotenza e mancanza di argomenti oggettivi. Le leggi della natura e le statistiche non sono una questione di fede, e le mezze verità non diventano più vere ripetendole.Ogni decisione deve basarsi su una chiara interpretazione dei fatti. Nel dibattito sulla legge sul CO2, questo è principalmente il compito degli scienziati. Ma i numeri senza contesto sono vuoti. Lasciare l’interpretazione dell’urgenza del cambiamento climatico ai soli rappresentanti di interessi particolari sarebbe fatale. Gli esperti devono spiegare se i 4 gradi sono più pericolosi, quali percorsi alternativi sarebbero possibili, dove risiedono le incertezze e quanto sono alti i costi. Le scienziate non possono, non devono e non vogliono anticipare decisioni politiche o dettare alcunché alla società. Ma è imperativo che partecipino alla discussione, purché separino i fatti dalle opinioni e dichiarino chiaramente i loro valori e ipotesi.Imposta la rotta acqua o pompaggi ora.Siamo noi umani a causare il problema climatico. La tecnologia e il denaro per risolverlo ci sono. Ora serve la volontà politica e la volontà di mettere gli interessi della società al di sopra dei propri. La decarbonizzazione è fattibile e utile. Tuttavia, richiede che i politici e tutti noi ci assumiamo la nostra responsabilità per plasmare il futuro. Ora possiamo impostare la rotta. Più tardi, prova a spiegare ai nostri figli che allora non sapevamo cosa c’era in gioco – non possiamo.Siamo noi umani a causare il problema climatico. La tecnologia e i soldi per risolverlo ci sono.“La fede non ha bisogno di numeri”

Stoccaggio o accumulo energia non si fa con il gas o in modo stabile con batterie.

È stato riconosciuto a livello mondiale che lo stoccaggio dell’energia sarà un elemento chiave in futuro per i sistemi di energia rinnovabile (RE). Recenti studi sull’utilizzo di accumulatori di energia per ottenere un’elevata penetrazione delle RE hanno ricevuto maggiore attenzione. Questi documenti presentano una recensione dettagliata sui sistemi di alimentazione ibrida solare ed eolica basati su pompaggio idroelettrico (PHS). Si discute anche il ruolo attuale di PHS, la sua capacità totale installata, la ricerca futura e le sfide tecniche associate all’uso di questo storage nel contesto dei sistemi basati su RE. Questo documento di revisione considera gli aspetti economici, ambientali e tecnici dei sistemi solare-eolico-PHS che sono stati discussi nei documenti pubblicati negli ultimi 10 anni. Inoltre, gli studi sono classificati in base all’obiettivo, all’approccio utilizzato, alla posizione e ai risultati chiave. Riflesso dalla letteratura, La tecnologia PHS è tornata ad essere un’opzione tecnologicamente ed economicamente valida. L’integrazione di macchine con turbina a pompa reversibile ha aumentato la flessibilità, i tempi di risposta e le prestazioni di PHS, tuttavia, l’ibridazione di PHS con altri depositi può aumentare la gamma di servizi e l’affidabilità complessiva del sistema, specialmente quando i sistemi RE sono off-grid. Questa recensione sarà utile ai ricercatori per esplorare i sistemi PHS basati su RE nei campi della modellazione e dell’ottimizzazione tecno-economica. L’archiviazione ibrida, come la batteria PHS, è un’opzione emergente per integrare la debolezza reciproca e sarà un campo promettente per la ricerca futura. tuttavia, l’ibridazione di PHS con altri storage può aumentare la gamma di servizi e l’affidabilità complessiva del sistema, specialmente quando i sistemi RE sono off-grid. Questa recensione sarà utile ai progettisti per esplorare i sistemi PHS basati su RE nei campi della modellazione e dell’ottimizzazione tecno-economica. L’archiviazione ibrida, come la batteria PHS, è un’opzione emergente per integrare la debolezza reciproca e sarà un campo promettente per la ricerca futura. tuttavia, l’ibridazione di PHS con altri storage può aumentare la gamma di servizi e l’affidabilità complessiva del sistema, specialmente quando i sistemi RE sono off-grid. Questa recensione sarà utile ai ricercatori per esplorare i sistemi PHS basati su RE nei campi della modellazione e dell’ottimizzazione tecno-economica. L’archiviazione ibrida, come la batteria PHS, è un’opzione emergente per integrare la debolezza reciproca e sarà un campo promettente per la ricerca futura.Parliamo degli errori? Sono grossi errori di carico che portano ai recenti blackout di Milano e Nord.Chi dice che con il caldo accendiamo condizionatori e provochiamo blackout,oggi con digitale e pompaggi,è un ignorante!
Impianti idroelettrici in pompaggio prima linea di difesa in battaglia per tenere accese le luci industriali e cittadine della nostra Italia.  Perchè sono giorni a Milano ,al nord e Roma che abbiamo blackout.?Perchè gli ingegneri energetici non sanno calcolare piu’ il carico.A Caffese sentendo Arera e GSE, è venuto un grave sospetto che si usi questo caldo per blackout,solo per dire ci vogliono piu’ centrali gas.e allora via alla conversione di centrali carbone a gas.Questa è una affermazione da ingegnere ignorante  che critico duramente perchè lo scopo è di vendere gas per 60 anni e non proiettare l’Italia in un PIL di sviluppo.Per i fessi,basta importare gas e certi elettricita’ bella e fatta all’estero.(critico chi asserisce di comprare hydro in Albania-Serbia-Grecia.

Lo stoccaggio a breve e lungo termine è conveniente per far fronte alle fluttuazioni della domanda sia a breve termine che lungo. È come i condensatori di un alimentatore. Un amplificatore audio non dura a lungo se lo si spegne alla rete, ma i condensatori affrontano il ripple – sia sulla richiesta in termini di picchi sonori che sull’offerta in termini di fluttuazioni di 50/60Hz.

Sarebbe impossibile avere una rete che non avesse un accumulo di energia a breve termine… nel caso dell’energia convenzionale che fa girare la turbina e la massa del generatore ela proposta di Cingolani di 40 invasi agricoli significa che non si capisce nulla di energia digitale 5.0.

Più variabile è lo squilibrio tra domanda e offerta, con una data suite di tecnologia di generazione e domanda dei consumatori, più spazio di archiviazione con pompaggi è necessario. O la maggiore capacità di approvvigionamento di cui hai bisogno. Ho usato spesso  le nostre statistiche gridwatch per calcolare quanti pompaggi e turbine vento avremmo bisogno per far fronte alla domanda peggiore in un inverno calmo ad alta pressione in Italia e la risposta è stata che non solo coprivano l’intero paese e la maggior parte dei suoi mari nazionali, ma il costo all’ingrosso di elettricità aumenterebbe dai 5 euro MWh che è oggi con la potenza pompaggi su Progetto Po-Valtellina  a circa 10 euro MWh per progetti centro sud e Isole! Lo spazio di archiviazione dei pompaggi che puoi ottenere a questo prezzo sarebbe conveniente!

Quindi, mentre la necessità di stoccaggio aumenta con l’intermittenza della fornitura , non scompare quando lo fanno le rinnovabili. C’è ancora l’intermittenza del carico , da provvedere.

Lo stoccaggio idroelettrico e con pompa rappresenta un ottimo stoccaggio, efficiente e accessibile in meno di un minuto,anzi 30 secondi se colleghi in digitale. A volte meno di questo ci affidiamo all’energia cinetica della turbina rotante.Il punto sulle batterie che non ti stanno dicendo è che ne abbiamo bisogno con energia rinnovabile per sostituire la funzionalità inferiore al secondo delle turbine rotanti. Tutti pensano che siano lì per coprire l’ intermittenza rinnovabile , ma con rispetto, gli ingegneri della rete sanno perfettamente ciò che le persone qui sembrano aver appena scoperto: che le batterie non possono far fronte a quel livello di stoccaggio. Ma possono intervenire e supportare un’improvvisa perdita di un generatore per alcuni minuti e prevenire il collasso della rete ma le batterie non generano energia,la usano prelevandola da altre fonti,tra cui i pompaggi.Quindi secondo grave errore le batterie in serie non bilanciano le rinnovabili e difatti il PNIEC italiano e prima la SEN di Calenda ti dicono devi bilanciare a gas.Noi diciamo perchè vietare i pompaggi?

Ai tempi, agli ingegneri di rete ENEL Italiani è stato detto di produrre la rete affidabile dal costo più basso possibile. Era principalmente carbone(Clo,Testa,..Scaroni,Conti, poi sarebbe stato nucleare, ma l’aumento dei tassi di interesse e le battaglie contro lo hanno fatto naufragare ed è diventato gas.(Noi Concordammo 35% rinnovabili in EU-27 ma Scaroni con Bortoni,lo fecero scendere a 17% e ora GSE a Roma annuncia trionfante che abbiamo il 20% rinnovabile che per noi doveva gia’ essere 35% L’archiviazione pompata è stata aggiunta perché ha risparmiato denaro.

Oggi gli viene detto di produrre una rete rinnovabile . Nemmeno una rete ‘zero carbon’, ma rinnovabile . Con la corruzione politica, gli obiettivi della riduzione del carbonio sono stati traslitterati nella “soluzione” dell’energia rinnovabile. L’Unione Europea, benedica i suoi calzini di cotone corrotti, ha formulato le sue “direttive” in termini di “Obblighi rinnovabili” e come risultato i produttori tedeschi danesi a vento e pannelli solari hanno ottenuto enormi sussidi in denaro. Sono stati creati posti di lavoro, i costi energetici sono aumentati, ma era “tutto per una buona causa”, quindi tutti erano felici.Poi si sono accorti dello storage ed hammo messo rete elettriche con Norvegia-Svezia-Svizzera-Austria per bilanciare con pompaggi.

Ad ogni modo, il punto è che gli ingegneri non stanno cercando di produrre una rete a basso costo, o una rete affidabile, o addirittura una rete zero netto , hanno il compito di stabilizzare  combinazione di fonti rinnovabili , molte completamente fuori controllo (domestiche solare) come fatto politico fatto compiuto.E le batterie che non sono solo necessarie, le fanno diventare una necessità molto cara , per fornire stabilità a breve termine per compensare la perdita di massa rotante sulla rete. In che  è corretto, le energie rinnovabili rendono le batterie non solo belle a vedere, ma hanno  bisogno di avere appalti, ma non per le ragioni di conservazione a lungo termine . Caffese  l’ha  risolto con i pompaggi che desalinizzano acqua di mare aumentando il volume acqua da lavorare nei fiumi. Gli ingegneri sanno che con il gas  stanno camminando sul bordo di una scogliera, ma cosa possono fare? Protestare è perdere il lavoro in Eni e Snam che non hanno cultura di stoccaggi-pompaggi?.

Ecco perché sospetto che ci sia un sottile passaggio dal ” rinnovabile ” al bilanciamento gas invece che allo ” zero netto “. Ciò lo zero netto apre la porta ai pompaggi e nucleare, che è ovviamente – ed è stato identificato come tale decenni fa – gli unici generatori di energia primaria a basse emissioni di carbonio praticabile che abbiamo a disposizione.I pompaggi risolvono tutti i problemi,mentre 

il nucleare non eliminerà la necessità di uno stoccaggio medio-corto, ma eliminerà la necessità di uno stoccaggio inferiore al secondo e di uno stoccaggio di più giorni o stagionale.

Ad ogni modo, la visione dell’archiviazione degli ingegneri è molto più articolata rispetto alla visione media universitaria. Vale a dire, lo spazio di archiviazione è disponibile in 4 categorie che soddisfano esigenze diverse

  1. Sotto il secondo deposito. Questo ha a che fare in genere con condizioni di guasto in un generatore che scatta fuori linea o un elemento della rete va in cortocircuito. Deve mantenere alta la frequenza di rete e fornire energia istantaneamente. In un generatore termico, questa è l’energia cinetica nella massa rotante delle turbine e dei generatori. Su una rete rinnovabile devono essere pompaggi, batterie e inverter elettronici.
  2. Memorizzazione al di sotto del minuto. Una volta che l’energia cinetica dei generatori si è abbassata o le batterie si sono scaricate, hai bisogno di qualcosa che possa entrare in linea velocemente . E avere una capacità sufficiente per mantenere a galla l’intera rete fino a quando la generazione ausiliaria non può essere collegata. Attualmente l’idro – pompato o meno – è l’unico vero candidato per questo e i 40 invasi di Cingolani sono non capire niente di ingegneria energetica
  3. Riserve sub-ora. Ci vogliono in media un’ora o due per mettere in funzione una centrale termica già calda, o per avviare e portare a piena potenza un gruppo turbina a gas da freddo. In una rete convenzionale, abbiamo bisogno che l’idroelettrico sia in grado di far fronte a un sovraccarico della domanda almeno per quel tempo. In una rete completamente rinnovabile, tuttavia, i pompaggi risolvono il problema delle riserve sub orarie.
  4. Riserve a lungo termine. Nel caso, ad esempio, della domanda invernale complessiva, è necessario mettere in linea una capacità di generazione aggiuntiva. Il vecchio impianto termico inefficiente e in effetti il nuovo impianto inefficiente può essere reso pronto per essere generato ed essere online se è previsto uno scatto del freddo. In una rete completamente rinnovabile ci sono riserve a lungo termine con i pompaggi connessi tra loro come farebbe Caffese connettendo Po-Arno-Tevere sino allo Stretto e se fanno il Ponte sullo Stretto con un doppio tubo connette i pompaggi Calabria-Sicilia.Per la Sardegna esiste un progetto specifico.

E questo è il dilemma che devono affrontare gli ingegneri che cercano di costruire una rete “rinnovabile”: l’idroelettrico esistente ha affrontato in una certa misura il caso 2, ma non il caso 1 . Le batterie vengono lanciate alla rete per far fronte al caso 1 .

Per quanto riguarda il caso 3 – riserve sufficienti di qualcosa per entrare in linea in meno di un paio d’ore e durare almeno un giorno – senza idroelettrico su larga scala si è “foxtrotted”. È qui che le pozze di sale fuso e serbatoi di idrogeno (preferirei vivere all’interno della zona di esclusione di Chernobyl piuttosto che vicino a un giorno di cita’ di idrogeno) vengono propagandate come “la risposta”.

Al momento esiste una soluzione “rinnovabile” praticabile per i vari casi solo con il pompaggio . Oltre a costruire il doppio dei vento necessario in estate, per averne abbastanza in inverno.

Un esercizio enormemente costoso.Nota come tutti questi problemi scompaiono con una rete nucleare/idroelettrica in pompaggio.

L’ accumulo di risposta sub-secondo è presente nelle turbine rotanti e nei generatori.
Il minuto secondario è soddisfatto con l’immagazzinaggio idro e pompato. Tutto ciò che deve fare è far fronte al picco della domanda per un’ora o due.
Sebbene non sia l’ideale, la risposta al di sotto dell’ora può essere ottenuta facendo funzionare (alcune) le centrali nucleari al di sotto della piena capacità per la maggior parte del tempo. Velocità di rotazione di circa il 10% della capacità nominale all’ora sono ottenibili in un tipico reattore, in completa sicurezza e senza effetti negativi. Anche la tecnologia che Bill Gates sta esaminando per l’utilizzo del metallo fuso come refrigerante primario consente di mantenere banchi di calore, ad esempio il sale fuso, che potrebbero fungere da fonti temporanee di energia in questo tipo di intervallo di tempo.
Riserve a lungo terminesono semplicemente i pompaggi,meglio di pile di barre di plutonio e uranio dentro o vicino a reattori che sono attualmente spenti: manutenzione necessaria e rifornimento programmato per l’estate, tutto pronto per l’inverno.Una volta presi in considerazione i costi olistici delle energie rinnovabili, la soluzione pompaggi e nucleare è semplicemente un gioco da ragazzi.E se non hai un impianto idroelettrico in loco, probabilmente scoprirai che la soluzione più economica è una prolunga collegata a qualcuno che ha….Penso che un futuro senza combustibili fossili sia “piu’ che desiderabile dal punto di vista del cambiamento climatico” ma inevitabile dal punto di vista delle risorse in diminuzione. Penso che sia un peccato che l’avidità, la corruzione e la codardia politica abbiano impedito di affrontare il problema in modo diretto e le opzioni esaminate razionalmente – invece abbiamo quello che in Italia chiamiamo un “giusto pasticcio di merda” di soluzioni rinnovabili con bilanciamento gas che in realtà non funzionano di denaro pubblico con profitti che finiscono in poche tasche ben piazzate politicamente collegate.Tuttavia, al giorno d’oggi, l’idea dello idrogeno verde da pompaggi sembra godere di una rinascita, ma in termini di lobby e clamore circostante su giornali e TV vince, questa volta  l’etichetta di “idrogeno blu”.   Questo è l’idrogeno che dovrebbe essere creato dai combustibili fossili, mentre il carbonio generato nel processo dovrebbe essere catturato e immagazzinato nel sottosuolo. Chiaramente, è solo un trucco per consentire all’industria dei combustibili fossili e gas di andare avanti ancora per un po’. E perché l’idrogeno “blu”? Ah… beh, questo è il miracolo dei nostri tempi: la propaganda. Così come possiamo avere “rivoluzioni colorate” , sembra che possiamo inventare “tecnologie colorate”. Abbiamo anche “idrogeno verde” e “idrogeno grigio” e l’ultima moda sembra essere “cherosene verde”. Karl Rove lo aveva capito così bene quando disse che ” oggigiorno creiamo la nostra realtà ” . È così potente che può far diventare blu idrogeno e puoi leggere qui come è stato compiuto questo miracolo. Ma sarà più difficile creare platino che non c’è. Nel frattempo, lo zombi idrogeno blu continua a marciare rovinando i nostri mari di Ravenna-Trieste e Monfalcone.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.