Home @social Coronavirus, Burger King: “Ordinate da McDonald’s”. Ecco il motivo

Coronavirus, Burger King: “Ordinate da McDonald’s”. Ecco il motivo

808
0
burger king mc donald

La nota catena di fast food, attraverso un annuncio su Twitter, ha invitato i cittadini britannici ad ordinare dalla concorrenza, compresa Kfc, e anche catene e ristoranti più piccoli, per sostenere il settore

LONDRA (Regno Unito) – Il nuovo lockdown imposto dal governo Johnson in Gran Bretagna metterà in ginocchio interi settori industriali, tra cui quello dei fast food. Per questo motivo Burger King mette da parte la rivalità ed invita la popolazione ad investire nel delivery, anche a beneficio della concorrenza: “Non avremmo mai pensato di chiedervi di fare questo.

Ordinate da McDonald’s”, l’incredibile annuncio su Twitter, che non riguarda soltanto il colosso americano, ma anche Kfc, Subway, Domino’s Pizza e Pizza Hut, cui la nota catena rimanda i suoi clienti al fine di ordinare online cibo da asporto.

Il tweet, volto a sostenere le migliaia di dipendenti che non potranno lavorare nelle prossime settimane, ha ottenuto numerose ricondivisioni, spaccando però a metà l’opinione pubblica.

Le critiche principali mosse a Burger King riguardano la solidarietà nei confronti delle grandi multinazionali, anziché difendere i piccoli esercizi commerciali. ( ma questo non in Italia )

Burger King, i numeri della crisi

Se a luglio, al termine della prima ondata di Coronavirus, i numeri della crisi erano quantificabili in circa 1.600 posti di lavoro ad alto rischio, con 160 ristoranti su 530 che non erano stati in grado di riaprire le saracinesche, a settembre si era iniziato a prendere in considerazione l’ipotesi di chiudere altri 25 locali. La statistica evidenzia come, soltanto nel Regno Unito, il settore dei fast food già a marzo 2020 aveva visto crollare le proprie vendite del 57,6%.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.