Home @social Coronavirus: in arrivo medici dalla Cina, da Cuba e dal Venezuela per...

Coronavirus: in arrivo medici dalla Cina, da Cuba e dal Venezuela per operare in Lombardia

1731
0

“Recluteremo personale sanitario anche dall’estero, chiedendo solo che siano iscritti all’albo nel Paese di provenienza. Avremo personale dal Venezuela, dalla Cina, da Cuba, sono medici a cui daremo ovviamente un luogo dove andare a vivere ma abbiamo bisogno delle competenze di tutti”, ha detto l’assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera.

La notizia data in conferenza stampa dall’Assessore alla Sanità della Regione Lombardia Giulio Gaallera ha dell’incredibile.

Nella conferenza stampa l’Assessore ha affermato che la regione sta assumendo medici ed infermieri italiani ed esteri per far fronte alla crisi sanitaria in atto nella sua regione. Tra i paesi menzionati vi è la Cina ed a sorpresa anche Cuba e Venezuela. Il paese sud americano avrebbe già inviato una lista con i nomi dei medici disposti ad aiutare i nostri nelle cure dei contagiati. Con Cuba si stanno iniziando le trattative.

La notizia ha dell’incredibile due volte: la prima è la certificazione del fallimento dell’eccellenza sanitaria lombarda, la seconda è invece ha un importante valore politico ossia il riconoscimento che la sanità cubana è di alto livello.

Dal punto di vista politico fa sorridere vedere la giunta leghista chiedere aiuto ai due paesi da sempre considerati delle sanguinarie dittature violatrici dei più elementari diritti umani, Sul Venezuela poi, se non ricordo male, la Lega aveva riconosciuto Juan Guaidò quale presidente legittimo del paese, quindi la domanda sorge spontanea: perché hanno chiesto aiuto a Nicolas Maduro e non a Juan Guaidò? Evidentemente anche in casa Lega sanno benissimo che quella barzelletta di Guaidò conta quanto il due di cuori quando briscola è picche, ma per ovvi motivi politici ed ideologici hanno dovuto pronunciarsi a favore del fantoccio statunitense.
Non bisogna poi dimenticare che chiedere aiuto a Cina, Cuba e Venezuela significa ammettere che nei paesi socialisti la sanità funziona meglio che in quelli capitalisti.

La richiesta a Cuba e Venezuela di inviare i propri medici in Lombardia è la conferma che la sanità cubana, visto che i venezuelani sono stati formati nelle scuole mediche dell’isola, è di livello internazionale. Oggettivamente non occorreva il pronunciamento di un leghista per sapere che i medici cubani sono ben preparati dato che ogni anno sono presenti in almeno una sessantina di paesi dove svolgono missioni sanitari a supporto dei medici locali. La maggior parte delle missioni sanitarie svolte dai medici cubani si svolgono nei paesi del terzo mondo o in quelli dove i governi si dimenticano dei propri cittadini come i paesi arabi che dispongono di ingenti capitali ma non formano personale medico. Sarebbe la prima volta per una missione in Europa per assistenza in un’emergenza. Anche il sistema sanitario lombardo è da terzo mondo?

Forse non lo è, forse è servito solo a riempire le tasche di chi ha avuto la fortuna di vedere accreditata la propria struttura sanitaria tra quelle della Regione Lombardia. Gli innumerevoli scandali che negli anni hanno coinvolto la sanità lombarda ne sono la prova. Alla fine dopo che i soldi dei cittadini sono serviti per cercare di garantire una sanità di qualità alla prima vera emergenza tutto il sistema è andato in tilt. Le casse della Regione Lombardia si troveranno a sborsare un bel po’ di quattrini per pagare altro personale: perché quando Cuba manda i propri medici nei paesi del primo mondo non li manda certamente gratis.

Infine se i medici cubani e venezuelani arriveranno in Italia cosa dirà Trump? Il Presidente statunitense ha da tempo iniziato una crociata contro i medici cubani presenti nei paesi sudamericani accusandoli di diffusione dell’ideologia comunista e marxista. E’ arrivato al punto di inventare la notizia che i sanitari cubani non presterebbero le loro cure a chi non si dichiara comunista. Se questo fosse vero in Lombardia i medici si troverebbero disoccupati. A parte l’ironia penso che qualche funzionario dell’Ambasciata degli Stati Uniti abbia rizzato le antenne pensando che la Lega sia improvvisamente diventata comunista.
Mi auguro che la trattativa in corso tra regione e i due paesi arrivi in fondo ma soprattutto quando tutto sarà finito spero che le politiche verso Cuba e Venezuela cambino e che tutto non si risolva con un grande grazie.

Articolo di Andrea Puccio fonte http://www.farodiroma.it/coronavirus-in-arrivo-medici-da-cuba-venezuela-e-cina/

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.