Home @social Coronavirus, sei pensionati violano le misure e si imboscano nella campagna del...

Coronavirus, sei pensionati violano le misure e si imboscano nella campagna del milanese per giocare a briscola: traditi dalle imprecazioni

1021
0
Briscola coronavirus
Foto LaPresse - Andrea Panegrossi 10/03/2018- Roma, Italia Torneo di briscola e tresette al Cinema Palazzo occupato Photo LaPresse - Andrea Panegrossi 10/03/2018- Rome, Italy

Gli anziani, residenti a Castano Primo, avevano organizzato un piano per eludere la sorveglianza di famigliari e forze dell’ordine. Scovati dai vigili in un anfratto lungo l’alzaia del Canale Villoresi dopo che le urla avevano insospettito qualche cittadino. Tra i più giovani, segnalate alcune fughe d’amore per incontrare le proprie fidanzate.

Un piano perfetto. Guastato però dalla passione per il gioco, che spesso porta ad alzare la voce e imprecare, soprattutto quando il tuo socio sbaglia a giocare una briscola o non butta il carico al momento giusto.

Così un cittadino, insospettito, prima è andato a verificare e poi ha informato i vigili, che pochi minuti più tardi hanno colto i pensionati nella più classica flagranza di reato, gomito a gomito e senza neppure le mascherine.

Gli agenti hanno chiuso un occhio: niente denuncia e neppure una multa, solo una ramanzina. Amaro il commento del sindaco di Castano Primo, Giuseppe Pignatiello, ancora oggi basito:

“Con una pandemia globale e con misure restrittive che in Italia non si vedevano dalla Seconda guerra mondiale, con tutti sigillati in casa, secondo voi è normale che io debba mandare la Polizia locale a chiudere un ritrovo lungo il canale, perché un gruppo di cittadini va a giocare a carte?”

Decisamente più raffazzonate le numerose fughe d’amore. Due, in particolare. La prima riguarda un 25enne di Vittuone che ha sconfinato nella vicina Cornaredo per andare a trovare la fidanzata.

Un pomeriggio di effusioni che sarebbe finito senza conseguenze, se il ragazzo fosse tornato dritto a casa, invece di concedersi un giretto in centro, sorseggiando una birra e fumando una sigaretta. Notato dai Carabinieri, ha confessato senza accampare scuse. Ma questo non gli è bastato per evitare una denuncia.

Una sorte simile è toccata un 17enne di Corbetta, che ha atteso la mezzanotte per montare in sella al suo scooter e dirigersi ad Abbiategrasso, dove lo attendeva la sua ragazza. L’adolescente aveva studiato il tracciato per evitare le strade principali, di norma più controllate.

Così era passato attraverso paesini e frazioni. Ce l’aveva quasi fatta. Le Forze dell’ordine lo hanno fermato a pochi passi dalla meta, cioè dall’abitazione della sua amata. Nessuna denuncia, ma una telefonata ai genitori. Che, arrabbiatissimi, sono venuti a riprendersi il figlio, sequestrandogli seduta stante le chiavi della moto.

 

www.ilfattoquotidiano.it

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.