Home @social Free Pass del Comicost valido e accettato per ingresso in università. E’...

Free Pass del Comicost valido e accettato per ingresso in università. E’ solo l’inizio?

631
0

Il Comicost, il Comitato per la difesa delle Libertà sancite dalla Costituzione, ha creato uno strumento alternativo al Green Pass, il FreePass, basato su interpretazioni di leggi Europee e disposizioni Costituzionali che di fatto rendono illegale il GreenPass all’italiana di Draghi.

In questo articolo trovate sia il documento originale da poter compilare e stampare che dei video di spiegazione del concetto di funzionamento del Free Pass ( come funziona, perchè è valido, i luoghi in cui si può usare, il precedente dell’accettazione all’università ).

Il Free Pass di fatto è una autocertificazione permanente o monouso con tre casistiche principali di appicazione:

CASO GENERALE CON AUTODICHIARAZIONE MONO USO
(valido per ristoranti, palestre, concerti, piscine, musei, mezzi di trasporto a partire dal 1 settembre 2021
)

1. Compilare il documento con i propri dati anagrafici.

2. Portarne con sè 4 o 5 copie, secondo esigenza.

3. Al momento della richiesta del Green Pass, esibire questo documento, spiegando che è un valido sostituto che consente di rispettare il diritto alla privacy.

4. Apporre la data e la propria firma in presenza della persona incaricata al controllo del cd. Green Pass in ottemperanza dell’art. 38 DPR 445/2000.

5. Consegnare l’autocertificazione.

6. Se richiesti i documenti, l’esibizione è facoltativa, quindi meglio non esibirli.

7. Se c’è QR Code, dichiarare che non si è in possesso di smartphone.

8. Di fronte al rifiuto, chiamare i carabinieri, e far verbalizzare il fatto che vi viene impedito un accesso di cui avete il sacrosanto diritto, che il controllore non ha le qualifiche per poter conoscere il vostro stato medico-clinico personale e che siete muniti di autocertificazione sostitutiva del green pass, valida per legge e che protegge la vostra privacy

CASO GENERALE CON AUTODICHIARAZIONE PERMANENTE

In alternativa, potete creare il vostro Free Pass personale da portare sempre con voi, in formato tessera, rivestito in plastica delle dimensione 10 x 15 cm.

1. Compilare il documento con i propri dati anagrafici

2. Recarsi a un ufficio Comunale firmare davanti all’ufficiale di anagrafe e farsi autenticare la firma come qualsiasi atto notorio o autodichiarazione.

3. Inserirlo nella apposita plastichina, pronto all’uso.

Nel caso dovessero contestarvi la validità di tale documento o il fatto di non saperne nulla, dovete semplicemente replicare: “E’ la stessa Costituzione della Repubblica Italiana a convalidare tale documento, in quanto contiene i principi in essa espressi. La legge non ammette ignoranza, lei ha il dovere di conoscere le leggi vigenti. Si informi personalmente e non dalla TV o dai Giornali”.

CASO PARTICOLARE DI RAPPORTI DUREVOLI CON ENTI O PUBBLICA
AMMINISTRAZIONE O DATORI DI LAVORO PUBBLICI O PRIVATI

(studenti, stagisti, lavoratori, tirocinanti, insegnanti)

In questi casi potete predisporre l’autocertificazione, farla autenticare oppure munirla di firma digitale e spedirla a mezzo raccomandata o PEC alla scuola, al datore di lavoro o all’ente che dovrebbe controllare il vostro Green Pass.
In questo caso è consigliabile fare la comunicazione ufficiale e portare con se anche il Free Pass permanente.

Nel caso dovessero contestarvi la validità di tale documento o il fatto di non saperne nulla, dovete semplicemente replicare: “Tale documento è legale e valido, non contravviene ad alcuna norma ed ha efficacia sostitutiva del green pass. E’ meglio del Green Pass perché non viola la privacy e quindi tutela il controllore. La legge non ammette ignoranza, lei ha il dovere di conoscere le leggi vigenti. Si informi personalmente e non dalla TV o dai Giornali”.

Video di spiegazione sul Free Pass

Ecco il testo del Free Pass – Valido – Documento

AUTODICHIARAZIONE EX ARTT 46, 47, 48 DPR 445/2000

AUTOCERTIFICAZIONE

DOCUMENTO SOSTITUTIVO DELLA CERTIFICAZIONE VERDE (GREEN PASS) (Valido ad ogni effetto di Legge)

Nome_______________________Cognome_________________________________ Nato a ______________________il_________________Domiciliato a___________ _______________________Via__________________________________n._______

Vista la Risoluzione 2361/2021 del Consiglio d’Europa, Visto il Regolamento e statuto dell’Unione Europea, Vista la Carta dei Diritti Fondamentali della Unione Europea (CDFUE) – legge vigente equiparata a Trattato (art. 6 TUE) ed al vertice della gerarchia delle fonti UE – ed il suo art. 21 che vieta ogni discriminazione, Visto il Regolamento UE n. 953/2021 – Considerando n.36 – del Parlamento Europeo che vieta la discriminazione fra coloro che hanno ricevuto una o più dosi di “vaccino”, coloro che per vari motivi non hanno potuto riceverlo e coloro che hanno scelto di non essere vaccinati, con il  presente documento ai sensi e per gli effetti degli art. 38, 46, 47 e 48 del DPR n.445/2000  e preso atto di quanto segue:

  • ai sensi dell’art. 46 Lett. d) -godimento dei diritti civili e politici- il sottoscritto dichiarante gode dei medesimi diritti civili di chi è munito di certificazione verde prevista dalla normativa vigente, in prevenzione al contagio covid – 19 – fra cui DL n.52/2021, DL n.105/2021, DL n.111/2021 e n. DL 127/2021;
  • ai sensi art. 38 del dpr n. 445/2000 la presente autocertificazione viene corredata da copia del documento di identità ovvero viene inviata a mezzo telematico al destinatario (Pubblica Amministrazione o esercente un pubblico servizio o un esercente aperto al pubblico) ovvero presentata brevi manu al ricevente;
  • ai sensi dell’art. 48 del dpr n. 445/2000 il presente documento di  autocertificazione sostituisce al solo scopo di esercitare, in modo paritetico, indiscriminato e garantito  dalla Costituzione Italiana, oltre che dalle Leggi Europee che l’Italia ha l’obbligo di rispettare (art. 117 Cost), gli stessi identici diritti esercitabili con la certificazione verde, ovvero di libero ingresso in ogni locale o ambiente o mezzo di trasporto o istituto scolastico od ospedaliero o lavorativo come previsto dai Decreti Legge indicati ai punti precedenti;

–    ai sensi del testo del codice della Privacy coordinato ed aggiornato, da ultimo, con le modifiche     apportate dalla L. 27 dicembre 2019, n. 160, dal D.L. 14 giugno 2019, n. 53, dal D.M. 15 marzo 2019 e dal Decreto di adeguamento al GDPR (Decreto Legislativo 10 agosto 2018, n. 101). II sottoscritto, essendo in possesso di tutti i requisiti di legge per l’esercizio dei propri diritti civili, e consapevole delle conseguenze a cui si va incontro in caso di dichiarazioni mendaci (Art. 495 c.p.) 

AUTOCERTIFICA 

IL PROPRIO DIRITTO DI INGRESSO E FRUIZIONE PIENA DI SERVIZI  in ogni ambiente previsto dalla certificazione verde (BAR, RISTORANTI, MUSEI, BIBLIOTECHE, PALESTRE, PISCINE, ecc.) ed il DIRITTO AL LAVORO (art. 4 Cost) senza alcuna discriminazione, per il principio di uguaglianza (art. 3 Cost., in combinato disposto con gli art. 2-13-32-117 Cost .e 21 della CDFUE).

IL PROPRIO DIRITTO DI UTILIZZO DEI TRASPORTI (inclusa a lunga percorrenza) nelle stesse identiche misure garantite a chi sia munito di certificazione verde.

IL PROPRIO DIRITTO DI FREQUENZA DI TUTTE LE SCUOLE ed UNIVERSITÀ nelle stesse identiche modalità previste dal DL n.111/2021 mediante l’uso della certificazione verde. 

Luogo e Data    Firma ________________________________

NB: in caso di presentazione brevi manu la sottoscrizione dell’autocertificazione va eseguita al momento della presentazione in ottemperanza dell’art. 38 DPR 445/2000.

free pass

SCARICA il PDF DEL FREE PASS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.