Home @social “I greci hanno fame? Non importa, paghino i loro debiti”. Le registrazioni...

“I greci hanno fame? Non importa, paghino i loro debiti”. Le registrazioni delle riunioni dell’eurogruppo – VIDEO

4647
0
klaus regling

Distruggere i popoli, togliere le pensioni agli anziani e lasciarli morire di fame purché paghino. Questo è l’Eurogruppo in mano a pugno di gente senza umanità.

“Muoiono di fame? Non importa, paghino i loro debiti” questa affermazione è di Klaus Regling, considerato l’uomo più potente dell’Unione Europea.

Questa frase scandalo, che esprime tutta la disumanità del personaggio, fu addirittura seguita dalla dichiarazione, sempre di Regling, di non pagare le pensioni dei greci, se ciò avrebbe permesso loro di pagare il debito contratto con l’Unione Europea per gli aiuti ricevuti. Ecco il modo in cui il capo supremo del MES, colui che effettivamente ha le chiavi della cassaforte europea, tratta i cittadini europei.

A far circolare gli audio è stato l’ex ministro delle Finanze ellenico, Yanis Varoufakis, che ha consegnato le buste con il materiale segreto al Parlamento greco, affinché venga distribuito ai deputati. Le registrazioni risalgono alla prima metà del 2015, quando l’allora ministro del primo Governo guidato da Alexis Tsipras partecipava alle riunioni dell’Eurogruppo.

Varoufakis ha consegnato una busta contenente le registrazioni al presidente della Camera Kostas Tasoulas, riporta il quotidiano greco eKathimerini, ma Tasoulas ha detto che non le trasmetterà ai deputati.
Non ho commenti da fare, ma politicamente è una cosa che ci dispiace”. Così il presidente dell’Eurogruppo, Mario Centeno, ha risposto a una giornalista che le ha chiesto cosa ne pensasse della diffusione delle registrazioni delle riunioni confidenziali durante la fase più profonda della crisi greca.

A far circolare gli audio è stato l’ex ministro delle Finanze ellenico, Yanis Varoufakis, che ha consegnato le buste con il materiale segreto al Parlamento greco, affinché venga distribuito ai deputati. Le registrazioni risalgono alla prima metà del 2015, quando l’allora ministro del primo Governo guidato da Alexis Tsipras partecipava alle riunioni dell’Eurogruppo, allora presieduto dall’olandese Jeroen Dijsselbloem. “

“Ci rammarichiamo per questa violazione della confidenzialità”, ha aggiunto il direttore del Meccanismo europeo di stabilità, Klaus Regling.Allo stesso tempo – ha precisato Regling – mi aspetto che abbia messo nella busta quello che trova interessante”.

GUARDA IL VIDEO

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.