Home @social Microsoft ottiene il brevetto per “rianimare” i morti in “chatbot” 3D

Microsoft ottiene il brevetto per “rianimare” i morti in “chatbot” 3D

336
0
Loading...

Sembra uscito da un episodio di Black Mirror.

Microsoft ha ottenuto un brevetto per una tecnologia che “rianimerebbe” i morti ricreandoli attraverso i post sui social media, video e messaggi privati ​​che potrebbero anche essere scaricati in un modello 3D realistico del defunto.

Per nulla inquietante….

“Il gigante della tecnologia ha avanzato la possibilità di creare un chatbot [Chatbot  è un software progettato per simulare una conversazione con un essere umano] basato sull’intelligenza artificiale che sarebbe costruito sul profilo di una persona, che include le sue “immagini, dati vocali, post sui social media, messaggi elettronici “, tra gli altri tipi di informazioni personali” riporta IGN. “Resta inteso che il chatbot sarebbe quindi in grado di simulare una conversazione umana tramite comandi vocali e / o chat di testo”.

Il brevetto spiega che il chatbot potrebbe essere una figura storica, una celebrità, un amico o un parente o anche una copia dello stesso utente.

Il brevetto sembra letteralmente uscito da un episodio di Black Mirror, la serie distopica creata da Charlie Brooker.

In un episodio chiamato Be Right Back, il fidanzato di una giovane donna di nome Ash viene ucciso in un incidente d’auto ma lei decide di riportarlo indietro sotto forma di una tecnologia che utilizza l’intelligenza artificiale per imitare i modelli di discorso, i modi e la conoscenza del suo amante.

Questo Ash virtuale viene quindi scaricato in un corpo sintetico, ma la donna fatica ad accettarlo come sostituto del suo vero fidanzato e finisce per bloccare l’androide in una soffitta.

Le élite transumaniste sognano da tempo di poter raggiungere l’immortalità preservando la loro coscienza dopo la morte caricandola su un computer.

Nel suo libro The Age of Spiritual Machines, il futurista Ray Kurzweil ha predetto che gli umani caricheranno le loro menti sui computer entro il 2045 e che i corpi saranno sostituiti da macchine prima della fine del secolo.

“Diventeremo sempre meno biologici fino al punto in cui la parte non biologica domina e la parte biologica non sarà più importante”, ha detto Kurzweil. “In effetti la parte non biologica – la parte della macchina – sarà così potente da poter modellare e comprendere completamente la parte biologica. Quindi, anche se quella parte biologica scomparisse, non farebbe alcuna differenza“. 

“Avremo anche corpi non biologici: possiamo creare corpi con la nanotecnologia, possiamo creare corpi virtuali e realtà virtuale in cui la realtà virtuale sarà realistica come la realtà vera. I corpi virtuali saranno dettagliati e convincenti quanto i corpi reali ”, ha aggiunto.

In altre parti del libro, Kurzweil ha chiarito che tale tecnologia sarebbe stata disponibile solo per le élite ricche e che il resto dell’umanità sarebbe probabilmente diventato una classe di schiavi o sarebbe stato spazzato via del tutto.

Il futuro è luminoso.

Fonte e articolo originale https://liberopensare.com/

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.