Home @social Netflix incriminata in Texas per il film Cuties definito “osceno”

Netflix incriminata in Texas per il film Cuties definito “osceno”

110
0
Loading...

La piattaforma Netflix è stata incriminata dal gran giurì del Texas per “Cuties”, definendolo un film con “materiale osceno”.

Il film francese sulle ragazze pre-adolescenti che formano un gruppo di ballo è definito “osceno” nell’accusa della contea di Tyler in Texas. Netflix difende la storia come commento sociale contro la sessualizzazione “Uno specchio della società odierna”

Netflix ha difeso il controverso film Cuties dopo che è emerso che il gigante dello streaming sta affrontando un’accusa penale in Texas per la presunta rappresentazione “oscena” dei bambini nel film.

 

“Cuties”, una produzione francese il cui titolo originale è “Mignonnes” mentre in italiano è “Donne ai primi passi”, ha debuttato sulla piattaforma di streaming lo scorso nove settembre. Nel film vi è una ragazza senegalese di 11 anni che vive a Parigi che si ribella alle tradizioni della sua famiglia conservatrice quando rimane affascinata da una “troupe di ballo dallo spirito libero”.

 

Un gran giurì della contea di Tyler, in Texas , ha incriminato la società con l’accusa di “promozione di materiale visivo osceno con la presenza di bambini”. L’accusa afferma che Cuties fa appello al “interesse per il sesso” e il materiale non ha “alcun valore letterario, artistico, politico o scientifico serio”.

Un rappresentante di Netflix ha detto ad PA: “Cuties è una rappresentazione sociale contro la sessualizzazione dei bambini piccoli. Questa accusa è senza merito e noi sosteniamo il film “.

Secondo Netflix il film è una denuncia contro la sessualizzazione delle adolescenti, ma negli Stati Uniti la produzione è stata catapultata al centro di una serie di polemiche finendo sotto accusa, paradossalmente, per i contenuti che intendeva denunciare.

Il film è diventato il bersaglio dei manifestanti dopo che Netflix ha ammesso di aver utilizzato “opere d’arte inappropriate” per commercializzarlo sulla piattaforma di streaming.

Secondo il pubblico americano il film è infarcito di immagini “troppo osé”, spesso relative a minori.

Successivamente Netflix è diventato oggetto di attacchi di più ampio raggio e di una campagna per gli abbonati per cancellare la loro iscrizione.

A seguito del contraccolpo, la società ha incoraggiato le persone a guardare il film prima di esprimere un giudizio. La sceneggiatrice e regista Maimouna Doucouré ha detto di considerarlo “un film profondamente femminista con un messaggio attivista” che è “uno specchio della società odierna, uno specchio a volte difficile da guardare”.

Ha detto di aver avuto l’idea dopo aver visto un gruppo di ragazze di 11 anni ballare in un modo “che si vedrebbe in un videoclip” durante un raduno di quartiere a Parigi. La regista ha detto di aver trascorso il prossimo anno e mezzo incontrando centinaia di pre-adolescenti per conoscere come si sentivano riguardo alla loro femminilità nella società odierna e come si sentivano riguardo alla loro immagine di sé nell’era dei social media.

Il film è stato presentato in anteprima al Sundance film festival nel gennaio di quest’anno, dove Doucouré ha vinto il premio mondiale per la regia drammatica.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.