Home @social Tutte le ragioni di oggi per opporsi alle colture OGM

Tutte le ragioni di oggi per opporsi alle colture OGM

763
0
ogm mais tapioca

“65 anni dopo la famosa scoperta di Watson e Crick sulla struttura dell’elica del DNA, continuano a essere rivelati aspetti sconosciuti delle strutture e delle interazioni dei geni negli organismi, con vari fattori epigenetici e con l’ambiente, dimostrando che la manipolazione geneticamente il DNA è un’idea terribile, a causa dei molti effetti imprevisti che comporta “.

Una squadra di Scienziati australiani ha recentemente verificato l’esistenza di strutture del DNA diverse dalla doppia elica che conosciamo. La nuova struttura era stata osservata in vitro, ma mai in cellule umane viventi. Allo stesso tempo, un altro team di ricercatori in Svizzera ha riferito che il tentativo di creare resistenza a un virus che colpisce la manioca con la tecnologia CRISPR-Cas9 ha accidentalmente creato un nuovo virus patogeno. È uno dei possibili effetti negativi che questa e altre nuove tecniche di ingegneria genetica possono avere, il che contraddice l’abbondante propaganda pseudoscientifica che cerca di convincerci che sono veloci, sicure ed economiche.

65 anni dopo la famosa scoperta di Watson e Crick della struttura dell’elica del DNA, continuano a essere rivelati aspetti sconosciuti delle strutture e delle interazioni dei geni negli organismi, con vari fattori epigenetici e con l’ambiente, dimostrando che la manipolazione genetica del DNA è una cattiva idea, a causa dei molti effetti imprevisti che comporta.

Nuovi studi sulla complessità del DNA

La nuova struttura del DNA è stata identificata dal team di Daniel Christ del Garvan Institute for Medical Research e l’ha chiamata struttura a motivi interleaved (i-motif). I risultati dello studio sono stati pubblicati il ​​28 aprile di quest’anno sulla rivista Nature Chemistry ( vedi qui ).

La scoperta conferma che il nostro DNA ha una simmetria più complessa di quanto ipotizzato e che queste varianti strutturali influenzano il funzionamento della nostra biologia. Quando la maggior parte di noi pensa al DNA, pensa alla doppia elica, così come afferma il ricercatore di anticorpi Christ. Questa nuova ricerca ci ricorda che esistono strutture del DNA totalmente diverse e che potrebbero essere molto importanti per le nostre cellulevedi qui ).

I motivi intervallati sono descritti come un nodo attorcigliato di quattro fili, in cui gli elementi chimici che compongono il DNA sono associati in modo diverso da quello noto: le basi o lettere del DNA sono unite insieme ad una uguale, ad esempio il C (citosina) con un’altra C o G (guanina) con un’altra G, cosa che non accade mai nella doppia elica.

Gli i-motifs sono stati visualizzati per anni in laboratorio, ma mai in cellule viventi, quindi è stato messo in dubbio che esistessero davvero. Secondo Mahdi Zeraati, il primo autore dello studio australiano, questa è solo una delle strutture diverse dalla doppia elica che potrebbero esistere nel corpo; Nel 2013 sono state visualizzate anche strutture quadruple del DNA e potrebbero esserci altre strutture, anche triple e cruciformi.

Nello studio che ha confermato l’esistenza dei motivi intercalati, i ricercatori hanno inserito un anticorpo marcatore fluorescente, in modo da poter vedere queste strutture apparire e scomparire in tempo reale. Gli i-motifs si trovano vicino a regioni del DNA note come promotori, che attivano o disattivano le funzioni dei geni, così come nei telomeri, un’altra sezione del DNA correlata all’invecchiamento cellulare.

Zeraati ritiene che il fatto che appaiano e scompaiano sia un indicatore della loro funzione: apparentemente intervengono nell’attivazione o disattivazione dei geni, quindi è molto rilevante per comprenderne meglio la funzione. Questa caratteristica è anche ciò che ha reso difficile per i ricercatori vederli nelle cellule viventi del nostro corpo.

Lo studio sulla Manioca virus resistente

Separatamente, uno studio di Devag Mehta et al, dell’istituto ETH di Zurigo, pubblicato il 4 maggio 2018, riporta che quando si cerca di creare resistenza a un virus nella manioca attraverso l’ingegneria genetica con CRISPR-Cas9, dei virus modificati hanno sviluppato una mutazione a singolo nucleotide (singola lettera), creando un virus resistenteLo studio mette in guardia anche sul rischio che questi nuovi virus resistenti si diffondano nell’ambientevedi qui ).

Gli autori non mettono in dubbio la tecnologia per altre applicazioni, ma mettono in guardia sui rischi in questo caso particolare. Mehta, autore principale dello studio, menziona anche sul suo account Twitter di essere stupito delle pressioni che ha ricevuto per non diffondere aspetti negativi dell’uso di CRISPR-Cas9.

In effetti, c’è una grande mobilitazione dell’industria della biotecnologia – tra cui Monsanto-Bayer e DowDuPont, che hanno le licenze per utilizzare questa tecnologia in agricoltura e alimentazione – per scollegare questa e altre nuove biotecnologie dai precedenti transgenici, cercando di ingannare il pubblico che ora sono tecnologie sicure.

Le transnazionali transgeniche cercano di garantire che le nuove biotecnologie come CRISPR-Cas9 non siano regolamentate, nemmeno in base alle attuali leggi sulla biosicurezza, sostenendo che il prodotto finale non contiene nuovo materiale genetico. La questione è oggetto di accesi dibattiti nell’Unione Europea e negli Stati Uniti, ma sono già state approvate normative – a favore delle aziende – in Argentina e Brasile, sebbene contestate da movimenti popolari e critici scientifici ( vedi qui ).

Precisamente, l’esperienza del team svizzero mostra che ci possono essere impatti negativi, indipendentemente dal fatto che ci sia o meno materiale genetico visibile nel prodotto finale modificato. Ma soprattutto, l’affascinante scoperta di strutture del DNA sconosciute e delle loro possibili funzioni conferma ancora una volta che gli organismi viventi e le loro interazioni in evoluzione sono di enorme e meravigliosa complessità che siamo tutt’altro che ben compresi. Per questo motivo, il fatto che alcune società transnazionali e gli scienziati che le servono manipolano gli organismi viventi è un esperimento perverso con la natura, la salute e l’ambiente.

Di Silvia Ribeiro, ricercatrice di ETC Group

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.