Home solidarietà In Bosnia e Croazia i migranti vengono lasciati a sè stessi tra...

In Bosnia e Croazia i migranti vengono lasciati a sè stessi tra neve e gelo

259
0
MIGRANTI BOSNIA croazia
Loading...

Una delegazione di parlamentari europei del Pd è andata in uno dei punti chiave della rotta balcanica in cui, come denunciato dalle ong e dalle inchieste anche dell’Espresso, le forze dell’ordine commettono violenze e soprusi su chi prova a entrare nel territorio della Ue.

Il ronzio del drone ci accompagna fastidiosamente e alziamo le mani verso quel punto nero presente nel mezzo del cielo per salutare.

La polizia croata, prima in maniera gentile poi con crescente decisione, ci intima di non superare il nastro che indica il limite non valicabile. Il limite è un confine inesistente stabilito appositamente per la delegazione dei parlamentari europei composta, oltre che dal sottoscritto, da Pietro Bartolo, Alessandra Moretti, Brando Benifei.
È un lembo di plastica che attraversa la strada malandata che porta dentro al bosco di Bojna, è un atto insensato che non rispetta le regole.

Gli agenti ci dicono che oltre quel segno, lasciato sulla carne viva dell’Europa, non possiamo proprio passare.
Il primo di noi che decide di farlo, Pietro Bartolo, non è un tipo qualsiasi. È lo storico medico di Lampedusa, un uomo di mare e di cura dagli occhi vivaci che non ha nessuna intenzione di farsi dire come ci si debba comportare in un contesto del genere. Lo seguiamo, convinti.

Decisissimi a non farci fermare da chi ci sta impedendo di raggiungere quello vero, di confine. Il confine che separa la Croazia e la Bosnia si trova infatti alcune centinaia di metri più avanti.

Ed è lì che inspiegabilmente, anche a prescindere da quanto avevamo comunicato per giorni, le autorità croate non ci vogliono far arrivare.

La paura che giustifica l’impiego di agenti in un contesto surreale, fatto perfino di un breve e goffo inseguimento realizzato sulla stradina che attraversa una sterpaglia dove ancora resistono le mine antiuomo, è quella dei nostri occhi.

Evidentemente non ci vogliono far vedere qualcosa e così impediscono ad un gruppo di deputati della UE di percorrere alcuni metri di selciato del Vecchio Continente. Azzardiamo un’ipotesi: i poliziotti non vogliono che qualcuno, magari con un ruolo istituzionale, assista alla scena di gruppetti di migranti che intendono chiedere asilo in quel tratto di rotta balcanica.

Così la polizia forma un cordone e ci impedisce di compiere ulteriori passi.

Brando Benifei, il nostro capo delegazione, lo dice chiaro guardando fisso una telecamera «non mi è mai capitato, sono stato lontano dall’Europa, in zone del mondo difficili, complicate, e mai nessuno mi aveva impedito, in questo modo, di svolgere il mio compito ispettivo».

Alessandra Moretti aggiunge una riflessione che ci accompagna per ore, un non detto pesante come un macigno «se fanno così con noi, che ne è di quelle donne e di quegli uomini o di quei bambini, provenienti dalla Bosnia, che cercano di passare, tentando di compiere il proprio viaggio verso il luogo che hanno desiderato raggiungere?».

Una risposta ce l’avevano fornita qualche ora prima all’Hotel Porin, il centro d’accoglienza situato alle porte di Zagabria.

Un luogo ben attrezzato e ampio, nel quale i bambini giocano rumorosamente e dove si possono ascoltare anche i racconti di famiglie provenienti dal Kurdistan o dall’Afganistan che spendono parole gentili verso i cittadini croati.
«Il problema è il confine. La polizia al confine ci ha tolto tutto, tutto, perfino i soldi», ci avevano detto dei giovani di Kabul, abbassando lo sguardo e fornendoci altri particolari di quel contesto denunciato da mesi da diversi rappresentanti di organizzazioni umanitarie e raccontato con precisione dalle inchieste giornalistiche .

Le autorità croate – le stesse che reagiscono raccontando incredibilmente falsità sulle nostre intenzioni, proprio in queste ore – da tempo, spiegano, che si tratta in gran parte di montature. Che le violenze e i soprusi della polizia son stati casi marginali, isolati.

Ancora una volta, come è già accaduto in passato, ad opera di svariati politici italiani rispetto al Mediterraneo, si punta il dito nella direzione delle ONG e degli attivisti dei diritti umani. Nessuno parla di “taxi del mare”. Ma solo perché in questo tratto di “Balkan Route”, nell’entroterra, c’è il bosco.

Non sapremo mai se i ragazzi afgani avevano ragione e non conosceremo neppure la cifra esatta dei soprusi dei reparti repressivi.

Ma possiamo affermare con certezza che si avverte tutta la spropositata necessità di un cambiamento radicale delle politiche europee in materia migratoria. Cosa che ci viene ribadita quando continuiamo il nostro viaggio visitando le aree della Bosnia più note alle cronache di queste durissime settimane invernali.

Raggiungiamo il campo di Lipa mentre la neve cade copiosa. Siamo in zone dove gli operatori umanitari italiani sono i primi a dire di farla finita con le politiche emergenziali: «Non chiamatela nemmeno emergenza umanitaria, vi prego», mi rimprovera Silvia Maraone storica rappresentante dell’IPSIA, «perché qua quel che servono sono scelte strutturali». E ha ovviamente ragione da vendere.

Dopo il 2016 l’Unione Europea ha chiuso la rotta balcanica, e migliaia di rifugiati si sono accampati nei boschi bosniaci o in quello che resta dei palazzi in rovina, nelle zone industriali abbandonate, soprattutto nella parte nord occidentale del paese, nel cantone di Una Sana. Dall’altra parte dei morti c’è la Croazia. I migranti che provano ad attraversare il confine chiamano il tentativo: the game. Dall’inizio dell’anno sono 15.672 i respingimenti registrati dalla Croazia. Nel solo mese di ottobre sono stati 1934, più di sessanta al giorno. Secondo i dati di DRC almeno il 60 per cento delle persone ha subito violenza.

A ottobre sono stati registrati 189 casi di “violenza inaudita” così li descrive l’organizzazione, in due casi si tratta di violenza sessuale da parte di uomini in uniformi nere senza segni identificativi, senza divise riconoscibili. Dall’inizio del 2018 in Bosnia sono stati registrati circa 65.000 rifugiati, migranti e richiedenti asilo, le strutture di accoglienza riescono ad ospitare 6500 persone, e le organizzazioni umanitarie ne hanno mappate almeno altre tremila che vivono al fuori dei centri di accoglienza, in campi improvvisati.

La settimana scorsa il campo di Lipa è stato bruciato. Ospitava 1300 persone, costrette ora a dormire in tende di plastica senza riscaldamento nelle gelide notti dell’inverno bosniaco. Una dichiarazione congiunta rilasciata sabato scorso da diverse organizzazioni umanitarie, tra cui DRC, UNHCR e OIM ha esortato le autorità a trovare immediatamente una soluzione alternativa. “Le strutture ancora esistenti non sono sicure e rischiano di crollare, a causa delle nevicate.

Il sito è senza riscaldamento e sono già stati segnalati casi di congelamento, ipotermia e altri gravi problemi di salute” afferma il comunicato.

Proprio Pietro Bartolo ha più volte richiamato un concetto simile nei diversi interventi realizzati in Parlamento: «Va superata la logica degli accordi di Dublino, ci vuole una svolta vera, una svolta che non si fondi sull’esternalizzazione continua delle frontiere, sui respingimenti come unica soluzione»

Parole identiche a quelle pronunciate da un altro parlamentare europeo, Massimiliano Smeriglio, che, sempre in questi giorni, ha visitato la parte “italiana” della rotta balcanica, ricordando con puntualità quanto anche i nostri governi non si possano chiamare fuori, non possano far finta di non avere responsabilità.

«C’è un grande bisogno di Europa» è quel che dice un giovane operatore della Croce Rossa, nel campo d’accoglienza che ospita novecentoquaranta persone situato, come uno spillo conficcato nella pelle, nel cuore della Bosnia, mentre la neve imbianca i nostri giacconi e i corpi esili dei ragazzi pakistani che mi spiegano quanto sia difficile vivere a gruppi di trenta sotto tendoni privi di corrente elettrica, riscaldamento e sistemi di areazione.

Assam, con la coperta che gli cade sulle spalle, e un volto dalle labbra carnose che sbuca sorridente, mi spiega che in fondo “the game”, il gioco, è questo: è un tentativo fatto di fughe nei boschi, respingimenti, botte, frammenti di futuro da immaginare.

Sono due anni che ci prova, lo rifarà ancora. C’è proprio bisogno bisogno d’Europa, dunque, visto che, di fronte alla cosiddetta pressione migratoria, non c’è Stato che possa cavarsela da solo.

Che poi, io credo, vuol dire innanzitutto la condivisione di una responsabilità che sin qui non è mai stata veramente affrontata coralmente, una responsabilità comune di fronte a cui non servono i cordoni di polizia per nascondere la realtà ma che invece domanda, e subito, maggiore dialogo e cooperazione tra i governi, interventi in discontinuità di tutte le istituzioni europee, politiche di accoglienza di qualità, azioni per l’integrazione, libera circolazione, in un quadro di regole chiare, dei migranti.

I “migranti” che poi dovrebbe voler dire donne, uomini, bambini.

fonte: L’Espresso

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.